Io, Emanuela – agente di scorta

ioemauelacopAnnalisa Strada

Io, Emanuela agente della scorta di Paolo Borsellino

Einaudi Ragazzi 2016, 

pagine 138

Collana storie & rime  

Copertina di Marco Somà

Linguaggio pulito, prosa asciutta. Senza sbavature retoriche. Così come è giusto che sia il racconto di uno dei momenti tragici della storia italiana. Una domenica di luglio, il 19 luglio 1992. Quando Paolo Borsellino muore. E con lui gli uomini della sua scorta. Gli uomini e una donna. Emanuela, appunto. Un libro questo di Annalisa Strada che è rivolto ai ragazzi, che se lo possono leggere da soli, ma che anche gli insegnanti e i genitori che farebbero bene a leggere con loro. Occasione di lettura e di dialogo. Un libro che rende giustizia, quella almeno del ricordo, anche a chi come Emanuela Loi- e a quei tanti che si dimenticano troppo presto –  ha pagato in prima persona per un paese migliore. “Fai attenzione però, te lo dico a chiare lettere: non sono né una vittima né un eroe. Avrei voluto essere una persona felice, giusta, utile e perbene.”

Non è di eroi che parla Annalisa Strada, ma di persone che credono nella giustizia.

Una bella occasione per crescere lettori in tutti i sensi.

 

M. DeConto 2016